Notiziario 02 2024 – Le news dal mondo dei Care Leavers e dei giovani

La seconda edizione del Notiziario Agevolando – Il servizio di informazione che abbiamo iniziato a fine 2023 con appuntamento quindicinale sul nostro sito Internet – è dedicato a tutte le notizie di interesse per il mondo dei Care Leavers e dei giovani. Cosa vi offriamo? News di attualità e cronaca, bandi e progetti istituzionali, notizie dall’estero, opportunità di lavoro e di formazione e tanto altro.

Ma soprattutto siamo lieti di annunciare il lancio della nostra proposta formativa 2024. Ne parliamo in quest’articolo.

 

Ecco le news

Dalle Istituzioni

Progetti per care leavers in Umbria

C’è fermento in Umbria sui care leavers. Al Comune di Terni va avanti la sperimentazione del progetto care leavers con la convocazione del secondo tavolo che si è svolto nei giorni scorsi. Il Comune ha divulgato la notizia con un comunicato stampa. Leggi qui.

La Regione Umbria nel mese ha organizzato un seminario sul tema, ne scrive il Quotidiano dell’Umbria, il prossimo appuntamento è in programma il 21 febbraio (leggi qui).

 

Regione Emilia-Romagna, quarta ricerca sugli adolescenti

Si avvia la quarta ricerca sugli adolescenti in Emilia-Romagna che vede insieme la Regione con l’Ufficio Scolastico Regionale e l’Osservatorio adolescenti del Comune di Ferrara. Il tema dello studio – concordato con il Coordinamento regionale adolescenza e supportato dall’Università di Bologna – Dipartimento di Scienze politiche e sociali – è dedicato a mettere a fuoco la relazione tra adolescenti e adulti di riferimento, in particolare genitori e docenti. Al link è possibile scaricare anche le ricerche precedenti.

Invito alla lettura

Adozioni: ascoltare le persone adottate
In un interessante articolo di Alessandra Vescio su Valigia Blu si scatta la fotografia del fenomeno. Uno sguardo integrale che parte dalla legge n.184 del 4 maggio 1983 per valutare i limiti della normativa e mettere in risalto i punti deboli. La criticità non sono i tempi lunghi del processo di adozione: “Il vero collo di bottiglia per le famiglie non è la fase che precede l’adozione quanto il post-adozione, ancora troppo trascurato”.

Il servizio giornalistico offre comparazioni con la normativa di altri paesi europei, i numeri ma soprattutto i problemi rilevati nelle adozioni internazionali e disegna il futuro delle adozioni. Il punto centrale dell’articolo è annunciato dal titolo, “Adozioni in Italia: per capire cosa non funziona dobbiamo ascoltare le persone adottate”, ed emerge soprattutto nei passaggi dedicati alle adozioni internazionali dove sono emerse irregolarità e pratiche coloniali.

In Sardegna vacanze al mare per bambini, adolescenti e mamme che vivono fuori famiglia

La Sardegna è terra di turismo ma non per tutti vista la mancanza, senza dimenticare la dismissione degli ultimi decenni, di strutture di accoglienza per chi non si può permettere un soggiorno al mare. La confisca di una casa da incubo, legata anche a reati mafiosi, ha permesso la nascita della casa dei sogni per bambini, adolescenti e mamme che vivono fuori famiglia o in condizioni di fragilità. Finalmente potranno godere la natura e il mare di Cardedu, una località costiere della costa orientale dell’isola grazie  alla fondazione Domus De Luna Per saperne di più clicca sul link.

Appuntamenti

Il treno del Ricordo

Il 10 febbraio vent’anni fa è stato riconosciuto “Giorno del ricordo”, in memoria delle vittime delle foibe, dell’esodo istriano, fiumano, giuliano-dalmata e delle vicende del confine orientale.

Si è dato vita anche a “Il Treno del Ricordo” che parte da Trieste il 10 febbraio e da questa stazione verrà idealmente ripercorso questo capitolo della storia italiana. Quattro vagoni in cui sarà predisposto un allestimento visivo, sonoro e musicale. Il treno farà tappa in 13 diverse stazioni da nord a sud della penisola. L’Agenzia della Gioventù suggerisce a tutti i giovani di partecipare ad un’esperienza così significativa. Non perdete l’itinerario proposto al link.

La giornata contro il bullismo

Ricordiamo  che il 7 febbraio è la giornata contro il bullismo e il cyberbullismo, un tema che merita sempre più attenzione visti i forti riflessi negativi sulla vita degli adolescenti.  Vi proponiamo la lettura di questo articolo dove è possibile anche scaricare informazioni  interessanti. “Secondo i dati della Sorveglianza Health Behaviour in School-aged Children – HBSC Italia 2022, gli atti di bullismo subìti a scuola sono più frequenti nei più piccoli (11 – 13 anni) e nelle ragazze; per il bullismo le proporzioni sono simili a quelle del 2017/18. Il fenomeno del cyberbullismo è in crescita nelle ragazze e nei ragazzi di 11 e 13 anni. I due fenomeni decrescono al crescere dell’età”.

 

Mi fido e mi affido. Il 10 febbraio a Empoli

“Mi fido e m’affido” è un progetto in rete per l’affido professionale e coinvolge associazioni, cooperative ed enti presenti sul nostro territorio. Il progetto è cofinanziato dalla Regione Toscana.

 

Se ne parlerà in un interessante convegno sul tema fissato per il 10 febbraio alle 10 a Empoli (qui al link si può scaricare la locandina con le informazioni). Protagonista anche la nostra associazione nella sessione Esperienze e testimonianze dirette che prevede: Agevolando con i racconti di Marko Cofini e Carol Roncali più l’intervento di Giuseppe Aversa – referente Care Leavers Network Toscana.

Care Leavers sui media internazionali

In Gran Bretagna tre milioni per le organizzazioni che si occupano di care leavers

Si tratta del “Care Leavers Program – che secondo gli organizzatori è il primo programma di questo tipo per i care leaver – mira a consentire ai giovani di età compresa tra i 18 e i 25 anni di lasciare l’accoglienza ed entrare nell’età adulta in modo indipendente”.

Il funzionamento? “Il programma è guidato e gestito dalla UK Community Foundations (UKCF), l’organizzazione nazionale che riunisce le fondazioni comunitarie accreditate. I finanziamenti vengono offerti dal più grande asset manager di beneficenza del Regno Unito, CCLA Investment Management, che ha una lunga esperienza negli investimenti etici. Fondata nel 1958 con un patrimonio in gestione di 13,5 miliardi di sterline”. Qui l’articolo.

In Nord Irlanda si raccolgono i dati sui care leavers

Le statistiche sui care leavers in Nord Irlanda pubblicate nel sito del dipartimento della sanità/salute della Gran Bretagna. Secondo i dati raccolti: “Nel 2022/2023 il 75% dei care leavers era impegnato in percorsi di istruzione, formazione o lavoro a tempo pieno part-time. Il 16% disoccupato e il 9% economicamente inattivo a causa di responsabilità assistenziali o di malattia/disabilità”.

Interessanti i dati per i care leaver 19enni: “Nel 2022/23 sono stati 242 i care Leaver di 19 anni. Il 90% era in contatto con aziende sanitarie e di assistenza sociale; con il 63% in contatto almeno una volta al mese. quasi tre quarti (71%) hanno ricevuto una qualche forma di sostegno continuo da parte dei servizi sociali, compreso quello all’istruzione superiore e all’alloggio. Il 68% era impegnato in percorsi di istruzione, formazione o lavoro, in calo rispetto all’anno precedente. Il 6% di tutti i care leaver di 19 anni erano genitori, 13 tra donne e uomini”.

La pubblicazione ha cadenza annuale e offre informazioni sui giovani tra 16 e 18 anni che hanno lasciato l’accoglienza durante l’anno precedente, compresi i risultati scolastici, l’attività economica e il collocamento prima dell’uscita dall’accoglienza. Ma non è finita qui, per scoprire tutti i dati rilevati si può scaricare il rapporto al link.

Una campagna politica di successo: meno tasse per i care leavers

Buone notizie dalla Gran Bretagna. La campagna per esentare i care Leaver del Devon dal pagamento della Council Tax è stata accolta in ciascuno degli otto consigli distrettuali. Ma non è finita qui: la misura si estende anche ai care Leaver del Devon che vivono fuori dalla contea. Per saperne di più clicca qui.

Una guida con tutti i benefici per i care leavers

In questo articolo dedicato al Care Leaver Hub di Barnet si parla della visita di un ministro alla struttura. Interessante la descrizione delle attività svolte nel centro che sostiene 325 giovani nel concreto con il supporto alle competenze di gestione del denaro e di budget alla preparazione per una vita indipendente senza dimenticare gli eventi organizzati durante tutto l’anno. Segnaliamo che dall’articolo si può scaricare la ricca (sono 27 pagine) la guida dei servizi e dei benefici offerti ai care leavers: dalle cure dentistiche al social housing. Si scarica qui.

A Cadmen i care leavers ottengono di essere categoria protetta

Un riconoscimento che permette di avere servizi e benefici a sostegno del percorso verso l’autonomia quella riconosciuta a Cadmen. “Coloro che sono in accoglienza, che lasciano l’assistenza o che hanno avuto una passata esperienza di accoglienza, avranno la stessa protezione dalla discriminazione ai sensi dell’Equality Act di Camden”.


Vediamo tra i servizi offerti: “Include l’esenzione dalla Council Tax per coloro che hanno abbandonato il sistema di assistenza (18 – 25 anni), i care Leaver hanno diritto ad alloggi sociali prioritari, più una serie di sovvenzioni dall’istruzione superiore all’accesso gratuito a palestre e centri ricreativi”. Leggi qui.

In Australia il Governo chiede scusa ai bambini che hanno subito abusi in orfanotrofi e centri per minorenni

In questo articolo si parla di un’iniziativa storica per l’Australia, più precisamente lo stato di Victoria: “Il governo istituirà un programma di risarcimento e porgerà scuse formali ai bambini del Victoria che sono stati affidati in orfanotrofi, istituti per bambini e missioni e hanno subito abusi o negligenze fisiche, psicologiche ed emotive” Qui l’articolo.

Contattaci per saperne di più