“Dopo di noi”, un progetto Erasmus+ per l’inclusione sociale di adulti con trascorsi di tutela

Ci segnalano questo progetto europeo, “Dopo di noi”, che si pone l’obiettivo primario di favorire e concretizzare l’inclusione sociale di quella fascia di adulti, residenti nei paesi dell’unione europea, con trascorsi di tutela nella loro infanzia e che, per questi motivi di fragilità sociale e personale, restano in quella zona grigia di vulnerabilità che, aggiunta alla situazione sociale globale del proprio paese, rischia di generare ulteriore emarginazione e esclusione sociale. 

Il progetto è realizzato a livello trasnazionale (con partner italiani, francesi, spagnoli e rumeni) perché in questo modo si permette la più ampia e globale visione possibile e perché risulta fondamentale pensare alla tematica in una dimensione europea per poter condividere i risultati per un ampio spettro di persone svantaggiate. 

Il progetto ha approfondito i metodi e le buone prassi del tempo che si vive e dei problemi che si incontrano dopo l’accoglienza nei sistemi di tutela.

Sul canale YouTube della Consulta diocesana di Genova, con 3 brevi filmati – realizzati col supporto della Video Maker Diletta Grella e della coordinatrice del progetto Michela Davi oltre che dalle voci dei protagonisti – vengono raccontati alcuni punti essenziali del progetto.

Un percorso che ha visto protagonisti moltissimi educatori che lavorano nelle comunità, moltissimi accolti e giovani adulti che hanno abitato le strutture della Consulta di Genova e poi hanno preso il volo per una vita autonoma “dopo di noi”.

I filmati sono stati pensati per essere fruibili da tutti gli operatori e da chi è accolto in comunità.

Sempre sul  canale YouTube potrete si trova il lancio del Musical “Il Guscio di Noce”, storia costruita sui testi raccolti da testimonianze vere, dagli attori e ballerini della compagnia teatrale Musicalmente.

Sono inoltre disponibili gratuitamente sul sito del progetto, le “Linee guida per i processi di accompagnamento degli adulti che sono stati in situazioni di Affido”, un confronto internazionale europeo sulle buone prassi.

Contattaci per saperne di più