Vivo.con

 

Promuovere coabitazioni con singoli, coppie, famiglie per aiutare giovani neomaggiorenni provenienti da esperienze “fuori famiglia” in un’ottica di reciprocità. Un progetto in fase sperimentale promosso dalla sede trentina di Agevolando.

Vivo.con

L’associazione Ama (Auto mutuo aiuto) di Trento gestisce da anni due progetti legati all’abitare in tutta la provincia di Trento:
Casa solidale, attivo dal 2009, è stata la prima sperimentazione di applicazione della metodologia dell’auto mutuo aiuto alla questione dell’abitare
Giovani per casa, attivo dal 2014 in collaborazione con l’associazione Agevolando, ha esteso il progetto ai care-leavers (ragazzi e ragazze maggiorenni che stanno vivendo o hanno vissuto parte della loro vita fuori dalla famiglia di origine, ad esempio in comunità di accoglienza, casa famiglia e affido familiare)

Dopo anni di coesistenza, le due realtà sono state racchiuse in un unico progetto con la dicitura “Vivo.con” per indicare il complesso delle attività di auto mutuo aiuto abitativo.

Promuovere coabitazioni nella provincia di Trento

Non sempre il bisogno, la fragilità costituiscono un problema, ma possono diventare anche una risorsa. Il progetto “Vivo.con” (già “Giovani per casa”, promosso dall’Associazione Ama) e da Agevolando Trentino, parte proprio da questo presupposto.
L’iniziativa mira a promuovere coabitazioni temporanee tra giovani maggiorenni che hanno vissuto parte della propria vita al di fuori della famiglia d’origine (casa famiglia, comunità di accoglienza, affidamento) e persone singole, coppie e famiglie che abbiano uno spazio disponibile e il desiderio di mettersi in gioco per ospitarli.

“Vivo.con” cerca di dare risposta al problema dell’abitare attraverso la metodologia dell’auto mutuo aiuto. Alla base del progetto c’è infatti l’idea dello scambio: da una parte l’ospitalità, dall’altra un aiuto che può assumere forme diverse, dal baby sitting al giardinaggio, a seconda delle persone coinvolte. Ognuno si può riscoprire risorsa per l’altro, ognuno può crescere e arricchirsi grazie all’incontro con l’altro in un’ottica di reciprocità che si sviluppa sia in termini pratici che relazionali (ascolto, sostegno amicizia, confronto).

Per sensibilizzare e informare i cittadini di Trento sui contenuti dell’iniziativa, nella fase iniziale è stato diffuso anche uno spot promozionale: un piccolo filmato pensato e realizzato da una decina di ragazzi che hanno vissuto o vivono al di fuori della propria famiglia d’origine insieme ai volontari delle associazioni promotrici. Il coordinamento di questo laboratorio cinematografico è stato curato dal regista Marco Benvenuti.
Il progetto è risultato vincitore della prima edizione del concorso “Intrecci possibili” bandito da Fondazione trentina per il volontariato sociale e Centro Servizi Volontariato di Trento.

Oltre al Servizio Attività sociali del Comune di Trento, i partner del progetto sono Anep sezione Trentino-Alto Adige (Associazione Nazionale Educatori Professionali), Forum delle Associazioni Familiari del Trentino, Comunità Murialdo del Trentino, Cooperativa Progetto 92, Sos Villaggio del Fanciullo di Trento, Associazione Provinciale per i Minori, Emamef.

Attualmente il progetto è in fase sperimentale e sta coinvolgendo con molto impegno ed entusiasmo i ragazzi e i volontari della sezione trentina di Agevolando. Speriamo in futuro di promuoverlo anche in altre città.

Per saperne di più:

Associazione Ama – Auto Mutuo Aiuto
Via Taramelli, 17 – 38122 Trento
Telefono: 0461 239640
Sito: www.vivocon.it
Email: vivocon.info@gmail.com
Facebook: Vivo.con

E’ inoltre​ attivo uno sportello informativo per tutte le domande sul progetto ogni lunedì alle 16 presso la sede Ama.

—> L’intervista a due protagoniste di una storia di coabitazione, Letizia e Manuela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *