BenEssere

Percorsi di prevenzione del disagio giovanile e promozione del benessere psicologico rivolti ai minorenni e neomaggiorenni ospiti o in uscita da contesti residenziali fuori famiglia

Analisi del contesto

I minorenni collocati in contesti residenziali fuori dalla famiglia di origine (comunità educative, familiari e famiglie affidatarie) sono ragazzi/e che possono provenire da contesti di vita in cui un sano sviluppo psicofisico ed emotivo è altamente a rischio a causa dell’esposizione a esperienze potenzialmente traumatiche (trascuratezza, violenza assistita, maltrattamento, abuso fisico, sessuale e psicologico). In alcuni casi sono ragazzi provenienti da percorsi del penale minorile.

Ci sono ragazzi più resilienti che riescono a fare fronte a queste difficoltà con maggiore efficacia per caratteristiche personali, per la presenza di un buon supporto relazionale e anche per il tipo di trauma subito, altri invece, più vulnerabili, sono maggiormente a rischio di sviluppare disturbi psicopatologici.

Cosa è stato fatto

L’associazione Agevolando ha trovato una prima risposta ai bisogni emotivi e relazionali dei ragazzi offrendo loro a partire dal 2017 il Laboratorio “Conoscendomi-Conoscendoci” a Bologna e il laboratorio “Mi emoziono” a Rimini a cui hanno partecipato minori e neomaggiorenni ospiti di comunità educative e appartamenti ad alta autonomia.

È stata inoltre offerta a tutti i ragazzi “fuori famiglia” dell’Emilia-Romagna la possibilità, sancita dalla convenzione con l’Ordine degli Psicologi dell’Emilia-Romagna, di accedere a percorsi di psicoterapia a tariffe agevolate.

Due novità: uno Sportello di Ascolto e il laboratorio su Comunicazione e emozioni

Non tutti i ragazzi necessitano, però, nell’immediato, di una psicoterapia e molti possono non essere pronti emotivamente a intraprenderla, ma aver bisogno di un accompagnamento più graduale.
Agevolando, pertanto, si propone di rispondere anche a questi bisogni offrendo la possibilità di accedere a uno Sportello di Ascolto, inteso come servizio di consulenza, prevenzione e tutela. Lo sportello permette al ragazzo di parlare delle proprie difficoltà e dei propri dubbi rispetto alle scelte e ai cambiamenti che avvengono nel proprio mondo interno e relazionale in una relazione empatica e accogliente con un professionista psicologo-psicoterapeuta tenuto al segreto professionale in un contesto privo di giudizio.

Lo Sportello di Ascolto è quindi uno spazio di:
– accoglienza, ascolto e consulenza riguardo ai dubbi, alle curiosità e ai bisogni relativi alla fase di crescita che si sta attraversando;
– confronto rispetto alle preoccupazioni e alle paure inerenti il momento dell’uscita dai contesti residenziali “fuori famiglia”;
– sostegno e contenimento rispetto ai vissuti emotivi, ai bisogni e alle difficoltà individuali che emergono nella relazione con se stessi, con i pari, con gli insegnanti e con altre figure significative;
– orientamento e accompagnamento verso i servizi per la salute (consultori, spazio giovani, centri di aggregazione giovanile ecc..) presenti sul territorio e su dubbi, domande e motivazioni ad intraprendere un percorso di psicoterapia;
– individuazione precoce di situazioni a rischio psicopatologico e accompagnamento e invio a un professionista della Convenzione.

Il laboratorio su comunicazione ed emozioni “Conoscendomi-Conoscendoci” è volto a offrire ai ragazzi uno spazio di gruppo nel quale mettersi in gioco e confrontarsi rispetto all’area delle emozioni, delle relazioni e del proprio modo di comunicare attraverso l’utilizzo di tecniche interattive ed esperienziali.
Esso si propone , dunque, di essere uno spazio in cui:
– favorire il riconoscimento, la riflessione sulle proprie emozioni, le proprie risorse, le proprie modalità comunicative, per riuscire ad affrontare con maggiore serenità ed efficacia le relazioni;
– promuovere una migliore conoscenza di se stessi potenziando le proprie capacità autoriflessive e le proprie abilità interpersonali;
– sperimentarsi in gruppo rispetto alle proprie risorse e difficoltà;
– riflettere sulle emozioni legate allo stare insieme agli altri e con se stessi;
– sperimentare un senso di appartenenza e partecipazione a un gruppo;
– favorire l’accesso graduale ad un eventuale percorso di psicoterapia individuale.

I due servizi proposti di Sportello e di Laboratorio non hanno un fine terapeutico ma rientrano all’interno di una cornice di prevenzione e di promozione del benessere psicologico nel rispetto della privacy e del segreto professionale.
Rappresentano un primo livello di accoglienza e sostegno, nonché di “palestra” emozionale e riflessiva che può favorire un accesso graduale e più consapevole ad un eventuale percorso di psicoterapia individuale, prevenendone così anche possibili interruzioni.
Sono, inoltre, caratterizzati da un aspetto di “circolarità” poiché ciascuno prevede la possibilità di un accesso all’altro.

Tempi e azioni di realizzazione

I servizi di Sportello e Laboratorio entreranno in funzione da settembre 2018 nella provincia di Bologna. La loro attivazione sarà preceduta da un intervento di sensibilizzazione rivolto ai ragazzi delle comunità educative del territorio bolognese sulla tematica del benessere psicologico e attraverso la modalità della Peer Education.

Contatti

Il progetto è coordinato dalle psicologhe-psicoterapeute Anna Bolognesi e Michela Cicerone.
Per informazioni e contatti: benesserepsicologico@agevolando.org

Un particolare ringraziamento va a Pasquale Spinelli, fotografo, per avere sin dagli inizi creduto in questo progetto e aver documentato le diverse fasi di lavoro.