Vademecum start up nuove sedi

 

Quale percorso per far nascere l’Associazione Agevolando nel tuo territorio?

  1. Innanzitutto è necessario verificare dell’esistenza di alcuni prerequisiti:
    • Un gruppo di persone (volontari, operatori sociali, ma anche care leavers) disponibili ad impegnarsi volontariamente,
    • Contatto e disponibilità di un ente (cooperativa, associazione, servizio sociale) già attivo sul territorio e in rete con altre realtà,
    • Disponibilità di un budget di almeno 1.000€ per la fase di start-up oppure la disponibilità ad attivarsi per ricercare fondi.
  2. Se in possesso dei prerequisiti, contattare l’associazione per richiedere di aprire una sede locale (scrivere a Nicoletta Chieregato: coordinamentosedi@agevolando.org).
  3. Organizzare un incontro di conoscenza tra il responsabile start up delle sedi a livello nazionale e il gruppo di persone che vuol far nascere la sede nel proprio territorio.
  4. Allargare la rete ad altri enti (servizi sociali, comunità di accoglienza, gruppi affido, associazioni…) e costituire un gruppo di persone che voglia attivarsi nell’operatività dell’associazione.
  5. Definire un piano di azione che includa – con un orizzonte almeno annuale – gli obiettivi che la sede intende perseguire e le relative attività che prevede di implementare (con indicazione di tempi e risorse necessarie).
  6. Definire chi assume il ruolo di Referente e di Segretario, oltre alla Sede dell’associazione.
  7. Organizzare un incontro pubblico cittadino di presentazione dell’associazione
  8. Partecipare al C.A.I (Costruiamo Agevolando Insieme), che si tiene a settembre di ogni anno.
  9. Creare un Comitato di Gestione costituito da un delegato degli enti fondatori, il Referente e il Segretario locali e responsabile nazionale per lo start up sedi. Nel primo anno, il comitato dovrà incontrarsi ogni quattro mesi per curare i rapporti tra gruppo operativo e enti gestori.
  10. Svolgere un anno come “Sede in formazione”, muovendo i primi passi per realizzare attività e progetti con la supervisione del team nazionale. Dopo tale periodo, la sede dovrà essere riconosciuta formalmente dall’Assemblea nazionale dei Soci.