Home » Blog » PROUD2BE ASSISTENTE SOCIALE – 18 maggio 2018 Milano

 
 

PROUD2BE ASSISTENTE SOCIALE – 18 maggio 2018 Milano

 

Come Rabby, dona il tuo 5×1000 ad Agevolando

Come Rabby, dona il tuo 5×1000 ad Agevolando

Sono state 136 le persone che nel 2016 hanno scelto Agevolando come realtà a cui destinare il 5×1000 al momento della dichiarazione dei redditi (dati Agenzia...

 
Sulle orme dell’autonomia. Convegno a Rovigo in memoria di Chiara Grillo

Sulle orme dell’autonomia. Convegno a Rovigo in memoria di Chiara Grillo

Si svolgerà venerdì 8 giugno a Rovigo il convegno promosso dall’Ordine degli assistenti sociali del Veneto e dall’Associazione nazionale degli assistenti...

 
Save the day: 23 giugno 2018 AgevolanDay a Saronno

Save the day: 23 giugno 2018 AgevolanDay a Saronno

“AgevolanDay” è la festa annuale itinerante di Agevolando. Un’occasione di divertimento e incontro per i ragazzi che vivono in comunità o in affido in Italia...

 
Concluso il Care leavers day 2018. Abbiamo portato Agevolando nelle strade delle nostre città

Concluso il Care leavers day 2018. Abbiamo portato Agevolando nelle strade delle nostre città

In Italia circa 30.000 bambini e ragazzi crescono in comunità, affido o casa-famiglia. 3.000 ogni anno terminano il loro percorso e devono cavarsela da soli. Agevolando...

 
 

L’associazione In-Formazione in collaborazione con Università degli studi di Milano Bicocca – Corso di laurea in Servizio sociale, ha organizzato la quinta edizione dell’evento “Proud2be assistente sociale”.

Obiettivo dell’evento è fare advocacy, parlare a sostegno dei diritti e dei bisogni di un’altra persona.

L’iniziativa si svolgerà venerdì 18 maggio dalle 14 alle 17 in Aula Sironi (U4-8) in piazza della Scienza all’Università degli studi Milano Bicocca. Tra gli interventi, previsto alle 15,50 il contributo di Andrès Bolivar Alvarez, referente di Agevolando Lombardia.

Durante la giornata dalle 9 alle 18 Agevolando allestirà anche uno stand, per festeggiare il “Care leavers day”, con le piante di cactus e le shopper realizzate per l’occasione.

Spiegano gli organizzatori: “La professione dell’assistente sociale è fondata sulla lettura del bisogno delle persone e la conseguente attivazione degli interventi più appropriati. Ma cosa succede quando non ci sono le risorse per implementare gli interventi? Come deve muoversi l’assistente sociale quando osserva delle problematiche che necessiterebbero risposte a livello macro/istituzionale? La risposta a queste domande è, almeno a livello teorico, parte integrante del codice deontologico dell’assistente sociale: ‘L’assistente sociale ha il dovere di porre all’attenzione delle istituzioni che ne hanno la responsabilità e della stessa opinione pubblica situazioni di deprivazione e gravi stati di disagio non sufficientemente tutelati, o di iniquità e ineguaglianza’ (art 37). E’ sotto gli occhi di tutto coloro che ‘vivono’ in diverse forme la realtà dei servizi sociali il fatto che sovente gli assistenti sociali NON adempiono a questo ‘dovere’. Le ragioni di questa inadempienza sono diverse e spesso non riconducibili alla volontà del singolo professionista. A volte, però, l’assistente sociale dovrebbe fare di più avendo anche il ‘coraggio’ di criticare in modo costruttivo, coinvolgendo i propri enti di appartenenza e lavorando per dare inizio ad un cambiamento culturale che porti i ‘diritti delle persone’ veramente al centro della società. Il convegno vuole, attraverso la voce di persone ed enti che con diverse modalità ‘fanno advocacy’, mostrare quanto questa metodologia sia possibile e, spesso, vincente”.

I posti sono limitati.

Per informazioni: Segreteria Organizzativa Associazione IN-formazione ass.informazione@gmail.com – 338-9947516

Tags: , , , , ,

 

Nessun commento

Lascia tu il primo commento!

Lascia un commento


 

Agevolando su Facebook