Blog

#IORESTOINCOMUNITA

Giorgia Olezzi, coordinatrice della cooperativa sociale Open Group di Bologna, ha ideato l’hashtag #IoRestoInComunita per ricordare in questo momento difficile anche tutti coloro che non si sono fermati. Educatori e educatrici che lavorano in comunità e casa-famiglia, di cui nessuno parla, ma che stanno vivendo anche loro questo momento in prima linea accanto a bambini, ragazzi, famiglie, migranti, persone fragili, persone con disabilità.

Spiega Giorgia: “In queste giornate i social di Open Group raccontano il lavoro dei colleghi, oltre che nelle comunità, anche in tutti i servizi che restano attivi in questo difficile periodo. #IoRestoInComunita è evoluzione del necessario, non per tutti realizzabile, #IoRestoACasa. Noi ci siamo, non siamo soli e non lasciamo soli. Giorno dopo giorno restiamo accanto perché siamo una grande famiglia…educatrici ed educatori, operatrici ed operatori sociali forti, appassionati, creativi, allegri e mai distanti“.

Agevolando vuole raccogliere e diffondere questa bellissima iniziativa, fermamente convinti del grande lavoro realizzato dal mondo dell’accoglienza in Italia, e vicini idealmente a tutti i bambini e ragazzi in comunità e ai loro educatori.

Abbiamo così deciso di creare su Facebook la galleria fotografica #IORESTOINCOMUNITA dove racconteremo la vita in casa-famiglia e comunità per minorenni ai tempi del Coronavirus, a partire dai contributi di Giorgia e delle equipe educative di Open Group.

Chiunque desideri contribuire può farlo inviando una foto e una breve didascalia a: comunicazione@agevolando.org, indicando inoltre la comunità/cooperativa di riferimento e la città di provenienza.

Vogliamo unire l’Italia in questo ideale racconto per immagini.

Trovate su Facebook la foto-gallery “#IORESTOINCOMUNITA”

Segnaliamo anche il grande lavoro svolto daAnimazione Sociale che utilizzando l’hashtag #RaccontaIlTuoServizio sta raccogliendo storie di educatori, assistenti sociali e operatori sociali da tutta Italia. Bellissime testimonianze in questa Italia ferita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *