Blog

Che impatto avrà l’isolamento sui bambini “invisibili”? Una petizione su Change.org

Rimane alta l’attenzione e l’impegno delle associazioni promotrici di una Lettera aperta al governo e alle istituzioni per un #decretobambini.

È possibile sottoscrivere la lettera su Change.org: http://chng.it/P99BVt2tpQ

Obiettivo raccogliere numerose firme da presentare al premier Conte per rinforzare le richieste.

Nel frattempo, sono arrivate le prime risposte: alcuni parlamentari – Paolo Siani, Rosa Maria Di Giorgi, Stefano Ceccanti, Emanuela Rossini, Paolo Lattanzio, Vittoria Casa – e la sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa hanno accolto le istanze delle associazioni promotrici, assicurando un impegno, e si sta lavorando alla proposta di emendamenti al Decreto Cura Italia che includano l’attenzione a bambini e ragazzi più fragili.

Le proposte: costituire task force locali tra scuola, autorità giudiziarie, servizi sociali, sanitari e terzo settore; proseguire con gli interventi urgenti di tutela per mettere in protezione le vittime; sensibilizzare le forze dell’ordine nel gestire nel modo corretto le chiamate di aiuto che ricevono da questi bambini; supporto per spesa alimentare, vestiti e materiali per l’igiene personale; aiuto per la continuità scolastica fornendo tablet o pc e materiale di cartoleria; laddove prevista, la garanzia del diritto di visita protetta dei figli con il genitore non convivente.

Tante le nuove adesioni, tra cui quella della Società italiana di Pediatria, Unicef Italia, Unione nazionale camere minorili, Comip – Figli Di Genitori Con Un Disturbo Mentale, Associazione In-Formazione, Legambiente, Federsolidarietà, Eugema onlus, Cooperativa La Strada, Centro Tiama, Viole Lab (Laboratorio Pedagogico sulla Violenza ai Minori), Fondazione Asilo Mariuccia, Consultorio di Napoli dell’Istituto Giuseppe Toniolo di Studi Superiori, Codici Ricerca e intervento, Familiarmente per i diritti dei bambini, Arci Genova.

Molti anche i professionisti, docenti universitari, garanti, cittadini preoccupati per la situazione di bambini e ragazzi. Ne citiamo alcuni: Andrea Canevaro (Università di Bologna), Paola Bastianoni (Università di Ferrara), Alberto Villani, responsabile pediatria Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, Pasquale D’Andrea, garante diritti infanzia e adolescenza di Palermo, le ex garanti di Puglia e Piemonte Rosy Paparella e Rita Turino.

Invitiamo tutti a condividere e diffondere utilizzando gli hashtag #decretobambini e #restiamoattenti.

Possono aderire alla petizione:

  • Singole persone
  • Organizzazioni e enti

Possibile contattare per maggiori informazioni l’indirizzo email: comunicazione@agevolando.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *