BlogRimini

AgevolanDay: quasi 100 ragazzi “fuori famiglia” a Riccione per una giornata di festa

Si è svolta a Riccione, lo scorso 31 Agosto, “AgevolanDay, la festa nazionale dei ragazzi che (per un po’) non vivono nella loro famiglia, promossa dall’Associazione Agevolando ONLUS in collaborazione con la Fondazione San Giuseppe per l’Aiuto Materno e Infantile ONLUS.
Quasi 100 ragazzi che stanno vivendo o hanno vissuto un percorso in comunità di accoglienza e che provengono da ogni parte del mondo si sono ritrovati a Riccione insieme ai loro educatori.
Sei squadre di calcetto agguerritissime in arrivo da Ferrara, Bologna, Cesena e Rimini si sono sfidate.
Un nutrito ed entusiasta gruppo di volontari di Rimini ma anche di Bologna e Trento ha messo a disposizione tempo ed energie.
Tutti questi tasselli hanno dato vita insieme al coloratissimo mosaico di “AgevolanDay”. Giunta alla sua quinta edizione questa festa itinerante ha scelto come destinazione quest’anno la Provincia di Rimini, dove da più di un anno è nata una vivace sede dell’Associazione grazie alla collaborazione con la Fondazione San Giuseppe per l’Aiuto Materno e Infantile ONLUS.
Alla fine della giornata la squadra risultata vincitrice del torneo di calcetto è stata la squadra “Boccio” di Bologna, al cui interno è stato anche premiato il miglior marcatore, Abdy. Seconda classificata la squadra “Se potessi” dei padroni di casa riminesi e al terzo posto i “Rainbow boys”, ancora da Bologna.
Premi speciali anche al miglior portiere, al più giovane capitano e, soprattutto, al giocatore che ha mostrato maggiore fair play in campo. A dimostrazione che anche lo sport è un mediatore efficacissimo per veicolare messaggi positivi.
La gara di torte ha visto invece trionfare la torta “Mimosa” della cooperativa Arkè di Cesena, seguita dal rotolo alla nutella di Rimini e infine ancora Cesena con il suo dolce alla frutta, ricetta doc tunisina.
E poi grazie a due giovani rapper di Ferrara e a due di Cesena non è mancata alla giornata la colonna sonora: fatta di musica e parole composte dai ragazzi stessi che ci hanno emozionato, divertito, commosso.
Per Federico Zullo, presidente di Agevolando: “Questa edizione la ricorderemo per tante cose: il rinvio (che, purtroppo, ci ha portati ad essere un po’di meno rispetto agli altri anni), il bagno in piscina, il grande lavoro dei volontari riminesi, i cantanti, la squadra vincitrice…e, in generale, come un ulteriore successo della squadra agevolante”.
Un grande pedagogista italiano, Piero Bertolini, suggeriva l’importanza di quella che ha definito “pedagogia dell’esperienza” per il lavoro educativo con i ragazzi considerati più “difficili”: perché far vivere loro esperienze positive, diverse dall’ordinario, che possano lasciare un “buon ricordo” è una delle strade più efficaci per offrire un’alternativa a percorsi spesso già molto compromessi o apparentemente segnati.
E aldilà della narrazione sono proprio i volti dei ragazzi a restituirci il senso di giornate come queste: il senso di appartenenza che si respira, la multiculturalità, la straordinaria capacità che i ragazzi hanno di riconoscersi e sentirsi solidali l’un con l’altro nella condivisione di percorsi dolorosi e complessi.
E insieme a loro i volti degli educatori, che fanno il lavoro più bello e difficile del mondo, e dei volontari: una grande dimostrazione di cuore, entusiasmo, impegno, passione.
Infine la generosità e la solidarietà di chi non fa il nostro mestiere e non conosce l’universo difficile e affascinante dei ragazzi in comunità ma che sceglie di mettersi in gioco e dare il proprio contributo: le istituzioni (Provincia di Rimini, Comune di Rimini, Comune di Riccione) che hanno concesso il patrocinio all’iniziativa, Banca Malatestiana, sponsor ufficiale della giornata di cui ha condiviso gli scopi con grande sensibilità, la Piscina Comunale di Riccione e lo Stadio del Nuoto che ci hanno accolti gratuitamente, l’Associazione Fya Riccione 33 Villaggi che ci ha concesso l’utilizzo dei campi da calcetto, l’Hotel Brezza di Rimini che ha ospitato gratuitamente i volontari, il bar nei pressi del campo da calcetto che ha sopportato tutto il giorno la nostra allegra confusione e ci ha regalato alla fine anche un vassoio di dolci.
Perché in fondo, parafrasando Trilussa, la solidarietà (come la felicità)…è una piccola cosa.

Silvia Sanchini

…Voci da AgevolanDay!

Una sola giornata insieme e tanti sorrisi e sguardi e visi portati a casa… se dovessi scrivere una parola che riassuma la giornata, scriverei ENTUSIASMO. Forse è proprio quello a permettere di trovare sempre più sostegno nelle persone che non c’entrano niente con questo mondo… un esempio su tutti: il barista. Vai al bar vicino chiedendo una prolunga convinta di ricevere un no… Torni con la prolunga e un vassoio pieno di paste… Forse solo per aver raccontato il perché eri li…questa la cosa più bella.
(Alice)

I momenti più belli? I momenti di relax tra una partita e l’altra, prima e dopo il pranzo, pre piscina..i momenti diciamo “non organizzati”. Vedere i ragazzi ridere e scherzare, rappare, ballare o semplicemente starsene seduti nel prato. In definitiva i piccoli momenti in cui nascono, crescono e si coltivano le relazioni.
(Margherita)

E’ stata una grande giornata gastronomica sportiva cultural–artistica. Come volontario mi sono occupato più che altro del torneo di calcetto, e sapendo quanto i ragazzi possano prendere sul serio una partita di calcio, devo dire che hanno mantenuto un atteggiamento sempre maturo e responsabile, con qualche piccolo eccesso subito rientrato nel rispetto dei compagni. Mi ha colpito favorevolmente la loro voglia di divertirsi mantenendo sempre un sano agonismo che non guasta mai…nessuno sta li per perdere, giusto?!! Un plauso a tutti i ragazzi!
(Marco)

Voglio ringraziare da parte di tutta la squadra “Boccio” di Bologna Federico Zullo, Agevolando Rimini… e tutti gli altri educatori e volontari x la bellissima giornata passata insieme!! La finale è stata bellissima e ci siamo davvero divertiti!
(Jason)

E’stata una festa super, un momento fantastico: conoscere nuova gente, diventare amici…grazie!
(Jonathan)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *